COSA FACCIAMO

Riduzione fitofarmaci


Da anni operiamo con calendari di difesa che permettono, con l’ausilio dei fitofortificanti naturali, di ridurre le quantità di prodotti fitosanitari tradizionali impiegati.

Come si può ottenere la riduzione della “chimica”?

Introducendo nel piano di difesa fitosanitaria i prodotti cosiddetti “fitofortificanti” a base di sostanze naturali si riescono a ridurre sostanzialmente i prodotti chimici nei trattamenti in vigneto. Facile a dirsi, ma l’applicazione pratica non è altrettanto semplice. Noi tecnici di Zarpellon Agricoltura riusciamo a conseguire ogni giorno ottimi risultati grazie all’esperienza nel nostro lavoro e alla conoscenza approfondita dei prodotti che utilizziamo. Crediamo infatti che l’unione fra tecnologia e natura possa dare i migliori risultati quando è coadiuvata dalla capacità tecnica.

Quali benefici si ottengono?

L’utilizzo dei fitofortificanti e la conseguente riduzione dei prodotti fitosanitari portano a notevoli vantaggi sui seguenti aspetti:

Riduzione significativa dei residui nei vini, con la possibilità di esportazione in tutti i paesi;
Minore impatto sulla salute di chi lavora in vigneto e della popolazione limitrofa;
Difesa efficace delle colture e allo stesso tempo rispetto dei disciplinari più restrittivi;
Piante più sane e resistenti nei confronti di patogeni e di stress abiotici.

C’è il rischio di perdere in produttività del vigneto?

L’introduzione dei fitofortificanti e la riduzione delle dosi dei prodotti fitosanitari nella linea di difesa aziendale non comportano affatto una maggiore perdita di prodotto a causa di attacchi di patogeni, al contrario garantiscono la sanità delle uve in quanto si riduce il pericolo dell’insorgenza di patogeni resistenti alle sostanze chimiche. Questi prodotti naturali infatti hanno un’azione stimolante sulla pianta, innalzandone le difese ed ostacolando l’insorgenza di patologie in vigneto.